Bok choy stir fry noodles

OK ragazzi, come foodblogger faccio davvero cagare. Oggi  mentre con una mano cercavo di mangiare una cotoletta, con l’altra cercavo di postare questo articolo, dallo smartphone. Non sono un foodblogger, infatti ho cancellato il post di ieri, che tra le altre cose aveva raccimolato piu like di un risotto allo champagne di Chiara Maci ( non è vero ).

Fortunatamente conosco svariati nerd del computer che hanno ripristinato il post ed ora tutti possiamo vivere felici.

Oggi  volevo parlarvi di questi noodles

Se vi è capitato di mangiare da Momofuku a New York, probabilmente la salsa di scalogno e ginger di David Chang, l’avrete già assaggiata. Qui ho aggiunto del cavolo cinese, peperoncino e anacardi. Voi aggiungieteci quello che vi pare. Tanto vengono un bomba in ogni caso.IMG_3734[1]x4

  • 3 Cipollotti Bianchi affettati finemente
  • Zenzero fresco (un pollice) sbucciato e tritato finemente
  • 1 Peeproncino fresco
  • 1 Bok Choy ( cavolo cinese ) affettato verticalmente
  • Semi di sesamo neri o bianchi tostati
  • Anacardi o Archidi tritate
  • 2 cucchiai di Olio di Vinaccioli ( si puo usare anche olio di oliva)
  • 1 cucchiaio di salsa di soia
  • 1 cucchiaino di aceto di riso
  • sale
  • 4 nidi di noodles o ramen
  1. Portate a bollore dell’acqua salata
  2. In una piccola ciotola mescolate i cipollotti affettati ( sia la parte bianca che quella verde), lo zenzero, l’olio, la salsa di soia e l’aceto di riso. Regolate di sale
  3. Coprite con pellicola e riponete in frigo per almeno 15/20 min.
  4. Lessate i noodles ed il bock choy in acqua bollente salata per 2/4 minuti.
  5. Scolate e raffreddate immediatamente sotto acqua fredda o in una ciotola con acqua ghiacciata.
  6. Scaldate due cucchiai di olio in un wok e saltate a fucoc alto il bok choy, i noodles e gli anacardi tritati.
  7. Condite con la salsa di zenzero e cipollotti preparata precedentemente
  8. Finite con un pò di peperoncino fresco e i semi tostati

IMG_3743[1]

Il Fish taco che non ti fa dormire

Ok, io vi avevo avvertito. Non sarò per nulla puntuale, infatti aggiorno questo blog con un ritmo imbrazzante. Mi appassionano tante cose,troppe. Ora per esempio sono in fissa dura per il nuovo Van che poi tanto nuovo non è. E’ un Volkswagen T3 dell ’86 ( si quello da Hippy drogato) blu e azzurro, in ottima forma. Letto matrimoniale, 3 fuochi per cucinare, motore turbo ed un sacco di altre figate. E’ arrivato qualche mese fa e devo ammettere di aver passato qualche notte a rotolarmi tra le lenzuola senza chiudere occhio, impaziente di aprire il box, guardarlo, salire sul sedile e stringere il volante, oppure di buttarmi sul letto. Ma il Fish Taco al salmone mi ha fatto penare molto di più. Non ho dormito per settimane. Continuavo a pensare a quanto era stato maledettamente buono e a quanti altri me ne sarei mangiati. La ricetta è davvero semplice, io non sono mai più riuscito a rifare dei taco simili. Voi fatemi sapere.

DSC_0421

due/tre tacos

  • tortillas di mais
  • 2/3 tranci di salmone
  • 1 Avocado
  • 2 lime
  • 1 mazzo di coriandolo
  • rapanelli
  • 1 cipollotto
  • 1 peperoncino fresco piccante
  • un barattolo di Yogurt
  • Maionese

Scaldate una padella

  1. Togliete le lische dai tranci di salmone poi metteteli in una ciotola, con il succo di un lime, mezzo peperoncino tagliato fine, mezzo cipollotto tagliato fine, coprite con pellicola e lasciate marinare in frigo per 30 min. circa
  2. Preparate la maionese al lime  mischiando la maionese e lo yogurt, spremeteci il succo di mezzo lime. Mettete in frigo.
  3. Affettate il rapanello
  4. Affettate il cipollotto
  5. Affettate il peperoncino
  6. Tagliate a metà l’avocado e con l’aiuto di un cucchiaio estraetene la polpa, poi affettatelo.
  7. Estraete i tranci di salmone dalla marinatura e cuoceteli 3 minuti per lato sulla padella calda.
  8. Preparate i tacos: Disponente un po di maionese al lime sul fondo, aggiungete il salmone spezzettato e privato della pelle, l’avocado tagliato e i rapanelli. Spruzzate qualche goccia di lime e guarnite con qualche foglia di coriandolo ed il peperoncino fresco.

fish taco

DSC_0439

KTCHN Club e le cene a casa tua

L’altra sera KTCHN Club ha cucinato per i ragazzi di Cambiamonza. La cosa è stata così maledettamente piacevole che tra vecchi vinili e un tot di bicchieri di buon vino abbiamo tirato le quattro di mattina.

Il menù preparato per l’occasione diceva:

Involtino di peperoni dolci con cuore di caprino alle erbe
Torta salata di cipolle di Tropea caramellate
Polpetta di melanzana su pomodoro pachino
Riso carnaroli mantecato alla zucca con crema di castelmagno e mandorle tostate
Tortino di cioccolato con cuore fondente su salsa agli agrumi

La ricetta del riso carnaroli mantecato alla zucca con crema di castelmagno e mandorle tostate.

riso carnaroli zucca e castelmagno

x4

  • 320 gr. di riso carnaroli
  • 300 gr. di polpa di zucca
  • brodo di verdure
  • 2 bicchieri di  vino bianco secco
  • 100 gr. di castelmagno
  • burro
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • 1 scalogno
  • 1 mazzetto di timo
  • parmigiano reggiano
  • mandorle

Per la crema al castelmagno:

  1. Grattugiate il castelmagno
  2. In un pentolino scaldate la panna e il castelmagno fino a quando la salsa monta e si ispessisce
  3. Conservate la crema a temperatura ambiente in modo che non solidifichi troppo

Il risotto

forno a 200°

  1. Infornate una teglia con la polpa zucca ed il timo, leggermente condita con l’olio extravergine e coperta da carta forno, cuocete la zucca, quando sarà stracotta frullate fino a creare una vellutata piuttosto densa.
  2. Tostate le mandorle affettate in una pentola antiaderente e conservate a parte per guarnire il piatto
  3. Fate sudare lo scalogno in una pentola, quando lo scalogno è lucido e morbido estraetelo ed incorporatelo, frullando ancora un paio di volte alla vellutata di zucca.
  4. Tostate il riso nel burro che avete precedentemente usato per lo scalogno, sfumate con il vino e coprite con il brodo. Procedete con la cottura aggiungendo il brodo quando necessario.
  5. A metà cottura aggiungete la vellutata di zucca e completate la cottura.
  6. Mantecate con il burro ed il parmigiano reggiano
  7. Impiattate distribuendo il castelmagno a spirale e guarnite con le mandorle tostate

Info e prenotazioni: ktchnclub@gmail.com

Brianza Blues – Le cosce di pollo glassate con le pannocchie abbrustolite

So che a volte la mia immaginazione  immagina un pò troppo, ma ogni volta, verso la fine dell’estate , quando i campi di mais sono altissimi, la sera si esce in felpa e ci sono  le ultime cicale, a me sembra di stare nel Mississippi.  Mi immagino che i vecchiacci burberi che alla mattina intasano le provinciali con i loro trattori, alla sera tornino alla loro baracca di legno sull’Adda, accendano il bbq, ovviamente ricavato da un bidone di olio usato, e sulla sedia a dondolo aspettino che le loro cosce di pollo siano cotte e glassate a puntino.

piatto ok verticale

x2

  • 4 cosce di pollo
  • 2 pannocchie
  • Sale
  • Pepe
  • Burro
  • Timo

Per la glassa

  • 3 cucchiai di ketchup
  • 1 cucchiaio di salsa worcester
  • 1 cucchiaio di miele
  • Mezzo bicchiere di Jack Daniel’s

Forno a 200°

  1. Sbollentate per 15 min circa le pannocchie
  2. Nel frattempo eliminate la pelle dalle cosce di pollo e con uno spilucchino e pulite bene l’osso
  3. Disponete le cosce in una teglia con carta da forno e condite con un filo di olio extravergine di oliva, sale, pepe e timo. Infornate per circa 20 min
  4. Preparate la glassa unendo tutti gli ingredienti e fatela ridurre a fuoco lento in un pentolino
  5. Estraete le cosce dal forno e aiutandovi con un pennello disponete la glassa su tutte le cosce in maniera uniforme, poi infornate nuovamente ( giratele almeno 3 o quattro volte )
  6. Nel frattempo scaldate una piastra in ghisa e abbrustolite le pannocchie ( oppure arrostitele sotto il grill del forno )
  7. Quando le cosce sono dorate, estraetele dal forno e servitele con le pannocchie sulle quali potete sciogliere un pò di burro aromatizzato al timo.

pollo crudo 2

pollo cotto 2

pannocchia brace 2

Blueberry Cookies

Veramente, io ci ho pensato tutta notte a cosa scrivere, ma uno che diavolo dovrebbe scrivere su dei biscotti con i mirtilli e il cioccolato amaro fondente!?

Ho capito che non sono capace di dilungarmi in descrizioni particolareggiate sulle proprietà miracolose degli ingredienti, sul profumo invitante di un dolce appena sfornato. L’ho capito perchè quando leggo un libro di ricette salto a piè pari la prima parte e mi fiondo sulla foto.

La foto sì che mi cattura, mi fa sentire il profumo ed il sapore intenso per un instante, poi giro pagina e ricomincio. Così potrei cenare a volte.

Tutto il resto mi annoia immensamente.

Ah, il mirtillo nero fa un sacco bene, il cioccolato fondente anche. Il burro un pò meno.

cookies4

  • 125 gr burro
  • 250 gr farina 00
  • 125 gr zucchero di canna
  • 125 gr di zucchero bianco
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 Uovo
  • una barretta  di cioccolato fondente
  • 150 gr di mirtilli
  • 1 gr di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di sale

 Forno a 190° Ventilato

  1. Unite il bicarbonato alla farina
  2. A parte sbattete l’uovo
  3. Aggiungete all’uovo sbattuto il burro precedentemente sciolto, lo zucchero di canna e lo zucchero bianco, lavorate bene con una frusta
  4. Incorporate la farina con il bicarbonato poco per volta poi aggiungete il cioccolato che avrete precedentemente tritato ( piuttosto grossolanamente ) ed i mirtilli.
  5. Lavorate per un pò l’impasto con le mani e formate delle palline.
  6. Disponete le palline su una placca foderata con carta forno e schiacciatele con le dita
  7. Infornate per 20 min circa o fino a quando i biscotti iniziano a dorarsi

Blueberry Cookies

cookies3

cookies2

Tagliata di tonno in crosta con spinaci novelli, barbabietola e avocado

Caldo fa caldo, si stava  meglio quando si stava peggio, ai miei tempi il fosso la saltavo per la lunga, ci vorrebbe una bella guerra. Potrei andare avanti per ore, ma fa veramente caldo che non si respira, quindi sarò velocissimo!

Immagine

x2

  • 2 tranci di tonno di circa 4 cm di spessore
  • semi di sesamo nero
  • pepe in grani
  • bacche di pepe rosa
  • Olio extravergine di oliva

tuna fillet

  1. Sciacquate i tranci di tonno sotto acqua corrente poi asciugateli con carta da cucina
  2. in un piatto mischiate il sesamo, il pepe in grani (pestato), le bacche di pepe rosa (pestate).
  3. Ungete i tranci di filetto di tonno con picchiassimo olio extravergine di oliva e poi ricopriteli con il mix di sesamo e pepe, premendo per fare aderire bene.
  4. Cuocete i tranci di tonno sulla bistecchiera ben calda per pochi minuti. Il tonno deve rimanere rosso internamente. Poi fate riposare un paio di minuti.
  5. Affettate obliquamente i tranci di tonno e servite.

Io ho scelto di accompagnare la tagliata di tonno con un insalata fresca di spinaci novelli, barbabietole affettate finissime e avocado tagliato a cubetti, il tutto condito con poco olio extravergine di oliva, il succo di un lime e un pò della sua scorza.

…non ci sono più le mezze stagioni…

L’uovo elegante – uovo in camicia con asparago bianco

Uno potrebbe prepararsi due uova, al volo, senza troppe pretese. Buttarle in padella così come vengono e ingurgitarle pochi minuti dopo.

Ma «L’eleganza si concentra nella camicia» diceva Oscar Wilde, ed io sono uno che anche per due uova, si deve complicare la vita e per complicarsi la vita basta prepararsi delle uova in camicia appunto.

Il procedimento “classico” prevede che le uova vengano immmerse con cura in un vortice di acqua bollente leggermente acidulo per qualche minuto, poi, con immensa attenzione, vengano estratte e servite. Non sempre tutto va per il verso giusto, anzi, la maggior parte delle volte il risultato è: “Ordino una pizza dagli egiziani e via”.

Esiste un metodo però che vi fa risparmiare tempo e aumenta le possibilità che le vostre uova vengano paffutelle, morbide e perfette:

Immagine

  1. Riempite di acqua una pentola non troppo alta e portate  a bollore
  2. Rivestite le pareti interne di due ciotoline o due tazze con della pellicola trasparente ed ungete con un filo di olio extra vergine le pareti interne
  3. rompete con cura le uova ( state attenti a non rompere il tuorlo) ed adagiatele all’interno delle ciotole.
  4. Ora prendete i bordi delle pellicola e uniteli ( attorcigilateli su se stessi formando un ciuffo) fino a chiudere luovo all’interno di un “sacchettino”
  5. Quando l’acqua cominica a bollire immergete i sacchettini, aveno cura di fare uscire il ciuffo, per 6 minuti.
  6. Passati i 6 minuti estraete i sacchettini, immergeteli in acqua fredda ed eliminate la pellicola.
  7. Salate e pepate e servire con quello che più vi piace, io in questo caso ho usato asparagi bianchi leggermente sbollentati e poi passati in padella per renderli croccanti.

Tips:

  • L’aqua nella pentola non deve bollire vigorosamente, deve sobbolire docemente.
  • Se volete un tuorlo piuùcotto aumentate i tempi di cottura.
  • Immergere i sacchettini in acqua fredda subito dopo la cottura renderà piu semplice staccare la pellicola dall’uovo.

Tagliata di scamone con asparagi

Quando arrivano gli asparagi vuol dire che la primavera è giunta sul serio! Oggi dunque una ricetta veloce, semplice e leggera.

Una tagliata di scamone con asparagi.

asparagi

x2

  • Due Bistecche di scamone da 150 gr. circa
  • Un mazzo di asparagi
  • Una patata
  • Olio extravergine di oliva
  • Fior di sale
  • Pepe

Piastra/Bistecchiera su fuoco vivace

  • Pulite gli asparagi con un pelapatate poi tagliateli circa 8 cm sotto le punte.
  • Scottateli per 1 minuto in acqua bollente e leggermente salata, poi scolate e tenete da parte.
  • Pelate una patata, tagliatela in spicchi e adagiatela sulla piastra ben calda.
  • Affettate per il lungo le punte di asparago e scottatele sulla piastra per qualche secondo.
  • Cuocete la carne sulla piastra per uno/due minuti circa ( all’interno la carne deve risultare morbida e rosa )

Affettate la carne, salate con del fior di sale e pepate con del pepe macinato al momento ( io ho usato quello del Madagascar che è profumatissimo ), decorate con le punte di asaprago e la patata in spicchi, condite con un filo di olio e buona primavera a tutti!

tagliata con asparagi