Il Fish taco che non ti fa dormire

Ok, io vi avevo avvertito. Non sarò per nulla puntuale, infatti aggiorno questo blog con un ritmo imbrazzante. Mi appassionano tante cose,troppe. Ora per esempio sono in fissa dura per il nuovo Van che poi tanto nuovo non è. E’ un Volkswagen T3 dell ’86 ( si quello da Hippy drogato) blu e azzurro, in ottima forma. Letto matrimoniale, 3 fuochi per cucinare, motore turbo ed un sacco di altre figate. E’ arrivato qualche mese fa e devo ammettere di aver passato qualche notte a rotolarmi tra le lenzuola senza chiudere occhio, impaziente di aprire il box, guardarlo, salire sul sedile e stringere il volante, oppure di buttarmi sul letto. Ma il Fish Taco al salmone mi ha fatto penare molto di più. Non ho dormito per settimane. Continuavo a pensare a quanto era stato maledettamente buono e a quanti altri me ne sarei mangiati. La ricetta è davvero semplice, io non sono mai più riuscito a rifare dei taco simili. Voi fatemi sapere.

DSC_0421

due/tre tacos

  • tortillas di mais
  • 2/3 tranci di salmone
  • 1 Avocado
  • 2 lime
  • 1 mazzo di coriandolo
  • rapanelli
  • 1 cipollotto
  • 1 peperoncino fresco piccante
  • un barattolo di Yogurt
  • Maionese

Scaldate una padella

  1. Togliete le lische dai tranci di salmone poi metteteli in una ciotola, con il succo di un lime, mezzo peperoncino tagliato fine, mezzo cipollotto tagliato fine, coprite con pellicola e lasciate marinare in frigo per 30 min. circa
  2. Preparate la maionese al lime  mischiando la maionese e lo yogurt, spremeteci il succo di mezzo lime. Mettete in frigo.
  3. Affettate il rapanello
  4. Affettate il cipollotto
  5. Affettate il peperoncino
  6. Tagliate a metà l’avocado e con l’aiuto di un cucchiaio estraetene la polpa, poi affettatelo.
  7. Estraete i tranci di salmone dalla marinatura e cuoceteli 3 minuti per lato sulla padella calda.
  8. Preparate i tacos: Disponente un po di maionese al lime sul fondo, aggiungete il salmone spezzettato e privato della pelle, l’avocado tagliato e i rapanelli. Spruzzate qualche goccia di lime e guarnite con qualche foglia di coriandolo ed il peperoncino fresco.

fish taco

DSC_0439

Sgt. Pepper – L’hamburger che fa piangere anche gli uomini duri

Ieri il profilo facebook di Zappa’s Ktchn Club ha passato i 100 Like ed io avevo promesso a tutti che avrei preparato un hamburger casereccio e avrei offerto molte birre per festeggiare.

Non me la sentivo di preprare un Hamburger “classico”, uno di quelli con la lattuga fresca, dei pomodorini succosi e via dicendo. Fuori faceva un freddo cane e ci voleva un qualche cosa di cattivo, di deciso, di generoso. Un hamburger di quelli che l’acqua non va affatto bene, come minimo ci vogliono una birra rossa o una doppio malto.

Così è saltato fuori il

Sgt. PEPPER

un hamburger homemade di scamone, con peperoni gialli, scamorza affumicata, scaglie di grana, pancetta croccante e anelli di cipolla di tropea.

Stg. Pepper

x2

    • 2 fette di scamone (100g circa a bistecca)
    • 1 peperone giallo
    • pancetta affumicata ( fatevela affettare sottile )
    • scamorza affumicata ( fatevi affettare anche questa )
    • grana padano riserva 24 mesi
    • 2 cucchiai di salsa Hp
    • 2 cucchiai di salsa Worchester
    • tabasco
    • 2 cucchiai di maionese
    • 2 cucchiai di senape di digione rustica
    • 2 panini per hamburger
    • sale
    • pepe

Scaldate una bistecchiera

  1. Lavate ed eliminate i semi dai peperoni. Tagliateli a striscie e piastrateli sulla bistecchiera ben calda.
  2. Cuocete velocemente due fette di pancetta affumicata, una volta croccante tenetela da parte su carta assorbente.
  3. Tagliate finimente la carne e poi battetela al coltello ( se avete un robot da cucina tritatela )
  4. in una ciotola mischiate la carne con un cucchiaio di salsa Hp, due di worchester, qualche goccia di tabasco, sale e pepe.
  5. Formate delle polpette e tenete in frigo fino a quando farcirete i panini.
  6. In una ciotola mescolate la maionese con la restante Hp e la senape.
  7. Affettate i panini e spalmate la parte inferiore con la salsa di maionese, Hp e senape.
  8. Scaldate il forno a 180°
  9. Cuocete la polpetta velocemetne sulla bistecchiera.
  10. Farcite partendo dal basso ponendo i peperoni piastrati, le scaglie di grana, la polpetta di carne, la scamorza affumicata, la pancetta croccante e qualche anello di cipolla di tropea affettata finemente.
  11. infornate 3-4 minuti ( fino a quando la scamorza comincia a sciogliersi )

Io li ho sertviti con delle chips di tuberi ( patata, topinambur, manioca )

Chips di tuberi

Anche gli uomini più duri a volte piangono ed io ieri, mentre affondavo il primo morso, ho pianto moltissimo.

Tips: Ci vuole veramente poco per cucinare un hamburger decisamente migliore di quelli di un fastfood, basta seguire un paio di piccoli accorgimenti.

  • Scegliete un taglio di carne che abbia la “giusta quantità di grasso”: In questo periodo fà figo scrivere “Hamburger di Chianina dop e bla bla bla”, è troppo magra! provate con un pezzo di scamone. Le piccole venature di grasso dello scamone si scioglieranno in cottura e renderanno il vostro Hamburger molto piu morbido e succulento.
  • Tritatevi la carne a casa: questo procedimento oltre a permettervi di scegliervi il taglio di carne e di prepararvi la polpetta della dimensione che preferite, limita la formazione della carica batterica che risulterà di gran lunga inferiore rispetto a quella della carne già macinata.

Sgt.Pepper Battuta

Finto occhio di bue : tuorlo marinato su crema calda al parmigiano e tartufo nero

Immagine

Erano forse dodici anni che non avevo la febbre e  invece ieri mattina mi sono svegliato, le gambe facevano “giacomo giacomo”, non avevo voce e il termometro segnava 38°.

In un alternarsi di momenti duri e caldissimi e momenti di freddo estremo, ho oziato moltissimo sul divano guardando tutti quei programmi fighissimi tipo i CHIPS, Magnum P.I. e moltissime televendite, programmi che uno un pò cresciuto non può più guardare.

Ad un certo punto ho deciso che avrei potuto cimentarmi in uno di quei piatti lunghissimi da preparare, chessò, il brasato, la pancetta cotta sotto vuoto a  bassissima temperatura per due giorni,
oppure il tuorlo marinato di Carlo Cracco!
Per ottenere un tuorlo marinato si deve avere pazienza ma il procedimento è davvero semplice: si immerge il tuorlo in una ciotola con una miscela di zucchero e sale grosso e lo si ricopre delicatamente con la stessa miscela. Dopo 3 ore si estrae, si sciacqua et voilà, la genialata da 38€ di Cracco è pronta.

Il risultato è sorprendente! L’esterno del tuorlo risulterà duro e con una sapidità perfetta, l’interno invece liquido.

Ho immaginato un finto occhio di bue spolverato con del tartufo nero , sostituendo l’albume con una crema calda di parmigiano

uovo

x2

Per i tuorli marinati:

  • 2 uova freschissime
  • Sale grosso
  • Zucchero
  • Tartufo Nero di Brumano

Per la crema calda di parmigiano

  • 50g di Latte
  • 20g di Parmigiano grattugiato
  1. Marinate il tuorlo per tre ore nella miscela composta da parti ugali di sale e zucchero.
  2. Nel frattempo preparate la crema calda al parmigiano scaldando il latte in un pentolino, una volta raggiunto il bollore togliete dal fuoco, incorporate il parmigiano, fate sciogliere e tenete in caldo.
  3. Estraete i tuorli dalla marinatura delicatamente, sciacquateli in acqua fredda.
  4. Componete il piatto nappando il fondo del piatto con la crema calda al parmigiano, disponete al centro il tuorlo marinato e spolverate con del tartufo nero.

 Meno di 1€ per essere belli e bravi come uno chef vero!

La perfezione della semplicità: Ossa arrostite prezzemolo e sale grosso

Questo piatto è la perfezione, il minimalismo, è l’anti moda, la  rinvicita!

Si dice che  Fergus Henderson, patron del St.John di Londra, abbia concepito questo piatto guardando il protagonista di un vecchio film italiano succhiare con gusto il midollo da un osso buco.

Per noi milanesi, il midollo è come il caviale, lo usiamo per mantecare il risotto allo zafferano, lo teniamo come “colpo di grazia” quando mangiamo l’osso buco con i piselli.

Questo piatto è  il sacro gral per i nostalgici dei vecchi tempi, quando le mucche pazze ancora non esistevano e nemmeno gli hipster vegani.

IMG_3741[1]

  • 8 anelli di ossa di vitello ( i macellai spesso le regalano )
  • 8 fette di pane
  • 1 mazzo di prezzemolo
  • 1 dl di olio evo
  • sale grosso ( io ho usato fiocchi di sale marino di Cipro aromattizzato con scorza di limone )
  • il succo di mezzo limone

IMG_3743[1]

Forno a 200°

  1. Disponete le ossa le ossa verticalmente in una teglia da forno e aggiungete un filo di olio ed una spolverata di sale e pepe
  2. infornate per 35′ min circa
  3. nel frattempo lavate e tritate grossolanamente il prezzemolo e trasferitelo in una ciotola
  4. condite con un emulsione di olio evo, succo di limone
  5. Tostate le fette di pane su una pistra o sotto il grill del forno
  6. Una volta cotte le ossa ( il midollo non deve diventare troppo gommoso ), estraetele dal forno, diponetele su un piatto affiancando il prezzemolo, il fiocchi di sale aromatizzati con le scorze di limone, e le fette di pane.IMG_3742[2]

Estraete il midollo e spalmatelo sui crostoni di pane, aggiungete un pò di prezzemolo e un pò di sale grosso, chiudete gli occhi, godete.

Il pranzo post sbronza perfetto / Smoked salmon and scrumble eggs

Sai quando la sera ti dai alla pazza gioia e mischi svariate tipologie di alcolici?

Sai quando la mattina successiva ti svegli e vorresti non aver mai fatto tutto quello che hai fatto il giorno prima?

ecco questo è il rimedio perfetto:

Smoked Salmon and scrumble eggs

tornerete lentamente quelli di una volta

Smoked Salmon and Scrumble eggs

Mini Souffle su crema di parmigiano

Hai presente quando in preda a momenti di estremo salutsimo misto a vegetarismo, sei dal fruttivendolo e comperi tutta la verdura che ti si para davanti?

Ecco, oltre ad aver comperato svariati tipologie di uva, svariate tipologie di pesche e della zucca, ho visto un cesto pieno di spinaci verde scuro croccanti e freschissimi

Bene, gli spinaci, per un motivo o per l’altro, alla fine sono rimasti in frigo e se non li avessi consumati velocemente, avrei dovuto buttarli e quindi rassegnarmi  a comperare sempre e solo birre, che sono quelle che in frigo ci rimangono veramente poco.

quindi per usarli tutti in una volta sola SOUFFLE ! (mini)

Immagine

x2

Per i mini souffle:

  • 200 g di Spinaci
  • 50g di caprino vaccino
  • 50 g di grana grattuggiato
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 1 cucchiaio di pan grattato

Per la salsa al parmigiano:

  • 100 g di parmigiano grattuggiato
  • 80 ml di panna pastorizzata da cucina

Forno a 180°

  1. Saltate velocemente in una padella capiente gli spinaci con un filo d’olio extravergine
  2. togliete gli spianci, strizzateli e tritateli
  3. unite gli spinaci tritati, il tuorolo, il grana, il caprino e il pan grattato in una ciotola e miscelate tutti gli ingredienti.
  4. aggiustate di sale e pepe
  5. imburrate gli stampini e spolverateli con un pò di pan grattato poi, riempiteli con il composto.
  6. infornate e lasciate cucere per circa 30′
  7. nel frattempo preparate la salsa
  8. versate la panna in un pentolino, scaldate a fuoco basso fino far quasi bollire.
  9. Unite il parimigiano e mescolate fino a quando la salsa diventa liscia
  10. Sfornate i souffle
  11. versate e stendete un cucchiaio di salsa sul fondo del piatto
  12. adagiatevi sopra il souffle

Polpette di manzo su crema di peperone giallo e pomodoro pachino

Immagine

E’ vero, è la seconda ricetta in questo posto e ancora uno “stuzzichino”.

La verità è che sono stanco, non ho molta voglia di scrivere e dovevo svuotare il frigo.

Queste polpette di carne si fanno in 10 minuti e ovviamente potete sostituire la salsa su cui poggiano con mille altre.

in ogni caso:

Per le polpette:

  • 200 g di trita (manzo) scelta
  • 1 uovo
  • 1 bicchiere di pan grattato
  • un cucchiaio di grana
  • sale
  • pepe
  • prezzemolo

Per la salsa

  • un peperone giallo
  • 5 pomodorini pachino
  • sale
  • pepe
  1. soffriggete in poco olio due anelli di cipolla rossa
  2. unite il peperone a piccoli pezzi e i pomodorini tagliati a metà
  3. salate e pepate
  4. coprite con un coperchio e cuocete fino a quando le verdure sono ben cotte
  5. frullate il tutto nel mixer
  6. tenete in caldo.

Mentre le verdure cuociono preparate le polpette

  1. mischiate la trita con il pan grattato, il grana, e un po di prezzemolo.
  2. salate e pepate
  3. formate delle piccole palline della stessa dimensione
  4. riempite un pentolino abbastanza profondo di olio di semi
  5. una volta che l’olio è a temperatura ( immergete uno stuzzicadenti, quando comincia a “friggere” ci siamo ) immergetevi le polpette
  6. attendere che le polpette abbiano un bel colore scuro e scolare su carta assorbente
  7.  impiattate stendendo una lingua di salsa di peperone sulla quale appoggerete le vostre polpette

voilà

Crostino con zola, fico e miele di acacia

Immagine1 Baguette

2 fichi

Zola D.O.P. dolce

timo

2 cucchiai di miele di acacia

  1. Forno ventilato a 200 C°
  2. tagliate la baguette a fettine di 1 cm.
  3. infornate i crostini ( fino a tostatura leggera)
  4. tagliate il fico a fettine
  5. disponete su ogni crostino una noce di Zola D.O.P.
  6. spoverate con qualche fogliolina di timo
  7. Adagiate una fettina di fico su ogni crostino
  8. impiattate e stendete un filo di miele su gni crostino